Pane (in) Comune

“Dalla pratica dell’invenduto nei mercati rionali all’etica del cibo-bene comune” 

Pane in Comune nasce  come pratica sperimentale per ridurre i margini dello spreco dei prodotti alimentari freschi nei mercati torinesi, cercando di restituire al cibo il proprio valore di bene comune affinchè venga percepito e fruito in quanto tale piuttosto che unicamente come merce. L’ iniziativa coprogettata dall’associazione Eufemia con la Città di Torino (laboratorio Periferie San Paolo Cenisia, Settore Rigenerazione Urbana e Integrazione) e la Circoscrizione 3,  prevede una costante collaborazione tra volontari, operatori dei mercati e Servizi Sociali della Città, che segnalano il numero delle famiglie e dei singoli beneficiari.

Dalla fine del 2012 l’associazione di volontari Eufemia si occupa della raccolta dell’invenduto del mercato San Paolo di corso Racconigi e della sua ridistribuzione alle fasce deboli della popolazione attraverso una metodologia d’intervento innovativa, basata sul coinvolgimento attivo dei beneficiari in ogni fase del processo (raccolta, re-distribuzione, cura dei locali messi a disposizione), dando così luce ad una  micro rete di prossimità, decisamente più funzionale per la gestione delle risorse.
Data l’utilità riconosciuta ed il successo dell’ attività, da Aprile 2014 il progetto si estende anche al mercato di corso Brunelleschi con un’ampia partecipazione dei suoi commercianti.

Da Settembre 2015, il progetto, risulta tra i vincitori del bando “Fatto per bene” (promosso dalla Compagnia di San Paolo – Area Politiche Sociali destinato al supporto dei beni comuni e delle reti di prossimità),  entra  in rete con altre importanti iniziative e realtà del territorio, prevedendo sia l’ampliamento delle azioni ai mercati rionali di altre Circoscrizioni che un riconoscimento di “marchi di qualità” per i commercianti vecchi e nuovi in ambito di pratiche solidali.

Guarda il Volantino

 

I commenti sono chiusi